Cambia il tuo Amministratore di Condominio in 5 mosse

Cambia il tuo Amministratore di Condominio in 5 mosse

Gli onorari del tuo amministratore di condominio sono troppo alti?

Hai alcuni dubbi su l’operato del tuo amministratore?

L’amministratore non si rende reperibile?
Le assemblee non vengono convocate regolarmente? 
Gli interventi presso il condominio non vengono effettuati con celerità?


















Ecco cosa puoi fare per sostituirlo… 


N.B. Le dimissioni e la revoca dell’amministratore sono regolamentati dall’art. 1136 del Codice Civile..

1) Chiedi cosa ne pensano gli altri condòmini

Chiedi ai tuoi vicini cosa pensano dell’amministratore di condominio. Esponi il tuo punto di vista per cui secondo te sarebbe
un bene cambiarlo e chiedi se anche gli altri la pensano allo stesso modo.
2) Cerca un valido sostituto per il tuo amministratore di condominio
a) Contatta gli esperti di CONDOMINIO LOW COST
b) Esponi le tue perplessità.
c) Chiedi GRATUITAMENTE un consulto e un preventivo.
Il  preventivo di CONDOMINIO LOW COST ti aiuterà a capire qual’è il giusto prezzo del servizio di amministrazione e gestione del tuo condominio.
Mostra il preventivo agli altri condomini e valutate insieme i vantaggi e l’ottimo rapporto qualità/prezzo.
3)Autoconvoca un’assemblea straordinaria
Ai sensi dell’art. 66 per la Disposizione di Attuazione del Codice Civile l’assemblea straordinaria può essere convocata
da almeno due condomini che rappresentino almeno un sesto del valore dell’edifici..
Decorsi inutilmente dieci giorni dalla richiesta, senza che l’amministratore provveda alla convocazione,  i condòmini possono
provvedere direttamente alla convocazione stessa.
Per far sì che l’assemblea sia valida, occorre:
  1. stabilire la data di prima e seconda convocazione
  2. indicare il luogo dove si terrà
  3. specificare l’ordine del giorno indicando  «revoca amministratore e nomina nuovo amministratore»
  4. apporre la firma di almeno due condomini che rappresentino almeno un sesto del valore dell’edificio.
  5. inoltrare la convocazione all’amministratore e a tutti i condomini proprietari
4) Attendi dieci giorni e valuta
  1. Se l’amministratore convoca l’assemblea come richiesto in quella sede formalizzerete la revoca del vecchio e la nomina del nuovo amministratore
  2. Se l’amministratore non convoca l’assemblea ci penseranno i condòmini a convocare e a riunirsi in assemblea
5) Il nuovo amministratore prende contatti con il vecchio amministratore
Conclusa la riunione, i presenti all’assemblea hanno il dovere di informare tutti i condomini assenti  inviandogli  copia del verbale dell’assemblea.
Invia una copia del verbale anche al nuovo amministratore di condominio.
Starà a lui prendere i contatti con il vecchio amministratore per il passaggio di consegne, cambio poteri di firma su eventuali conti correnti di condominio e domiciliazione utenze.
È quindi possibile cambiare amministratore di condominio autonomamente, grazie alla legge che lo permette.