TASI: versamento dell’acconto al 16 giugno 2015

Entro il prossimo 16.06.2015 deve essere effettuato il versamento dell’acconto TASI 2015, determinato utilizzando l’aliquota e le detrazioni valide per il 2014. 

Il presupposto impositivo della TASI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati (compresa l’abitazione principale) ed aree edificabili. 

Rimangono invece esclusi i terreni agricoli e le aree edificabili possedute o condotte da coltivatori diretti o IAP. 
Tra le ipotesi più comuni di versamento si deve segnalare la ripartizione dell’onere, nelle ipotesi di locazione, tra inquilino e proprietario: mentre il primo deve versare un importo compreso tra il 10 ed il 30% del tributo (a seconda della delibera comunale), il proprietario deve pagare l’importo residuo. 
Tra le varie ipotesi di esclusione ricordiamo: 
  • gli immobili utilizzati dagli enti non commerciali utilizzati esclusivamente allo svolgimento di attività degli enti con modalità non commerciali; 
  • fabbricati accatastabili nelle categorie da E/1 a E/9; 
  • rifugi alpini; 
  • fabbricati destinati ad usi culturali. 

La TASI andrà versata in due rate, la prima delle quali (a titolo di acconto) scade il prossimo 16.06.2015: il versamento dovrà essere effettuato tramite modalità analoghe all’IMU tramite modello F24 o bollettino postale. Bisogna inoltre evidenziare che i Comuni, a partire dall’anno in corso, dovranno rilasciare (su richiesta) il modello di pagamento, qualora non abbiano già provveduto a spedirlo agli interessati.

I nostri esperti sono a disposizione per assistenza e consulenza.